WorldWine Newspool

New thinking in the Brett debate (US)

Daily Wine News - vor 6 Minuten 19 Sekunden
As much as it’s reviled, Brettanomyces still has its supporters in those who think a little bit of barnyard or wet dog imparts a distinct identity to their wines. The clean, modern winemaking practices of the sort espoused by the University of California, Davis, have put Brett squarely in the menace category. Dr. Linda Bisson, who studies the metabolic pathways of yeast at UC Davis, however, likened Brett to a color in an artist’s palette, reports Wines & Vines.

3rd annual L’Aventure Languedoc promotion to capitalise on trend (France)

Daily Wine News - vor 6 Minuten 19 Sekunden
Year 2012 proved to be the best year yet for Languedoc AOC wines export growth to the U.S. Exports from the region have steadily increased for the last three years, always showing double-digit growth of 20 per cent or more. The volume of Languedoc AOC wine exports to the U.S. in 2012 increased 31 per cent, or six times faster than the total AOC French wine category. The value of Languedoc AOC exports also grew a remarkable 36 per cent from January-December 2012 according to French export agency Ubifrance, reports La Journee Vinicole.

SW tips wine price rise

Daily Wine News - vor 6 Minuten 19 Sekunden
South West wineries expect this year to be outstanding for red wines but a significant drop in white grape yields could lead to higher prices. As this year's vintage draws to a close, the head of the State's peak wine body said bad weather had caused white grape yields to plummet about 20 per cent on average in WA's premier wine region, reports the West Australian.

Distaste arises on wine health claims

Daily Wine News - vor 6 Minuten 19 Sekunden
Public health experts have branded a ''wine health'' conference a misleading industry attempt to influence government policy by presenting one-sided evidence on wine's health benefits. Run by the Australian Wine Research Institute, a body which ''supports grape and wine producers'', the July conference in Sydney will host world experts for ''stimulating exchange of scientific information'' on the health impacts of drinking wine, reports The Age.

Wine trade out to boost presence in Europe

Daily Wine News - vor 6 Minuten 19 Sekunden
The peak industry body Wine Australia is hosting a visit by 20 leading European sommeliers, wine educators and writers to highlight the regional diversity and quality of Australian wines as the high dollar and offerings from new world producers, as well as traditional nations such as France and Germany, undercut Australian markets. The visit, organised in partnership with wine regions and wineries, will give participants first-hand experience of Australian wine through winery visits, dinners, masterclasses and themed tastings, reports The Age.

Time is now for Kiwi winemakers in China (NZ)

Daily Wine News - vor 6 Minuten 19 Sekunden
Villa Maria's Charlotte Read is passionate about the potential for New Zealand Sauvignon Blanc to make a significant impact in the Chinese premier wine market. New Zealand primarily exports Sauvignon Blanc to China which means a special effort is necessary to cut-through a market dominated by red wine. Read - who is Villa Maria's market manager for Asia and the Middle East - says a definite demand for New Zealand wine is emerging right across the industry, reports The New Zealand Herald.

Wine: Start saving for Sav (NZ)

Daily Wine News - vor 6 Minuten 19 Sekunden
It was bound to happen sooner or later and, frankly, it's come sooner than I would have predicted. New Sauvignon Blanc at $80 a bottle. Now, any casual consumer will tell you perfectly acceptable Sauvignon can be found on special at your local supermarket for less than $10 - so has Pernod Ricard's chief winemaker, Patrick Materman, had a rush of blood to the head or is their marketing department on steroids? Neither, as it turns out, but rather a secretive, well-planned project to create the first limited release of a super-premium Sauvignon handcrafted from exceptional grapes, reports The New Zealand Herald.

Wine properties for sale (NZ)

Daily Wine News - vor 6 Minuten 19 Sekunden
More properties with vineyards or the potential to be planted with vines are on the market in the Waitaki Valley under mortgages held by Rabobank. Six lots totalling about 65.5ha, part of the pioneering vineyard subdivision by the late Howard Paterson, of Dunedin, are being advertised for mortgagee sale through PGG Wrightson and CRT Real Estate, reports Otago Daily Times.

Strong dollar forces Brown Brothers to turn away from UK

Daily Wine News - vor 7 Stunden 6 Minuten
The 124-year-old family-owned winemaker Brown Brothers will turn its attention to the domestic market and opportunities in Asia after a sustained strengthening of the Australian dollar caused its once-vibrant British export market to become barely viable. The brand manager for Brown Brothers in the UK has resigned and will not be replaced. Brown Brothers chief executive Roland Wahlquist said the winemaker's revenue in Britain was only 10 per cent of what it was five years ago, reports WA Today.

Granite Belt’s tourism up as word spreads

Daily Wine News - vor 7 Stunden 6 Minuten
Stanthorpe streets were thick with visitors over the Easter weekend and Granite Belt Wine and Tourism figures show the region is becoming an increasingly popular tourist destination. Granite Belt Wine Country has also been voted into the 100 Incredible Travel Secrets of Australia by a panel of judges including Pat Rafter, Kate Ritchie, Catriona Rowntree and Sonia Kruger. The area came in at number 32, but was the top-rated wine region, reports Warwick Daily News.

Gran Dolcetto - Il vino del giorno | Pubblicato in DoctorWine N° 78

Doctor Wine by Daniele Cernilli - vor 7 Stunden 50 Minuten
Gran Dolcetto - Il vino del giorno | Pubblicato in DoctorWine N° 78

Oggi è di proprietà della famiglia Abbona, un tempo fu la cantina dei Marchesi Falletti, dove nacque il Barolo moderno e molti vini di Langa. Qui, anche per parlare di vini meno noti, è di scena il Dolcetto del cru Madonna di Como, uno dei migliori per questa tipologia.

Oyster vines planted at Windowrie Wines

Daily Wine News - 7. April 2013 - 21:30
The first ever oyster wine vines were planted at Cowra today. NSW Minister for Primary Industries and Small Business Katrina Hodgkinson planted Australia's first Picpoul de Pinet grapevine at Windowrie Wines. Originating in the Languedoc region of France, Piquepoul Blanc is a white grape variety which is traditionally grown within sight of oyster leases, reports Weekly Times Now.

Toasting top crop with hopes of top drop

Daily Wine News - 7. April 2013 - 21:30
There are some grape expectations at wineries throughout the region, with a bumper harvest coming off the vines. Wineries have been picking fruit over the past month, with the region's medium-bodied shiraz grapes set to be the final variety to be picked over the coming week. Leura Park Estate winemaker Darren Burke said the 2013 vintage was shaping to be one of the best in many years, reports the Geelong Advertiser.

Adelaide: Australia's wine capital

Daily Wine News - 7. April 2013 - 21:30
South Australian premier Jay Wetherill has recently announced a year-long campaign by Adelaide to attract wine and lifestyle tourists to South Australia, with a special focus on Adelaide. The South Australian Wine Industry Association is part of the campaign, and has released an interesting list of achievements which some may see as wine trivia, others as an interesting perspective on the smallest Australian mainland capital city.

Making sparkling (NZ)

Daily Wine News - 7. April 2013 - 21:30
A seventh-generation French wine maker is in Marlborough for vintage to help make "New Zealand's best sparkling wine". Fabien Dariaux, 25, grew up on his family-owned vineyard in Champagne in Northern France and is in New Zealand for the first time, for his 12th vintage. His forebears have been making champagne under the Champagne Philippe Dariaux label since 1848, and he has a VII tattooed on his chest as a reminder of his long family history, reports the Marlborough Express.

Hall of fame recognition for Jane Hunter (NZ)

Daily Wine News - 7. April 2013 - 21:30
The New Zealand Wine Hall of Fame recognises the greats in our maturing wine industry. In March this year, Jane Hunter became the first woman to be inducted into the New Zealand wine Hall of Fame during a ceremony at the 2013 Easter Wine Show Awards. Jane and Bob Campbell, masters of wine, were both recognised on the night, honoured for their significant contributions to the wine industry in terms of development and enhancement both domestically and internationally, reports the Marlborough Express.

California wines pour on the marketing (China)

Daily Wine News - 7. April 2013 - 21:30
A brand-awareness campaign in China by California wine makers will meet the palates of local oenophiles next week when a bottle-bearing trade delegation from the state visits Beijing and other cities. The Wine Institute, a San Francisco-based group that promotes California's wine industry, will host a "master class" to educate Chinese consumers about vintages produced in the state, part of an April 8-15 trade and investment trip led by Governor Jerry Brown, reports China Daily.

In ricordo di Franco Biondi Santi - Firmato Doctor Wine | Pubblicato in DoctorWine N° 78

Doctor Wine by Daniele Cernilli - 7. April 2013 - 1:01
In ricordo di Franco Biondi Santi - Firmato Doctor Wine | Pubblicato in DoctorWine N° 78

Alle 15 circa del 7 aprile 2013 si è spento Franco Biondi Santi. Era nato 91 anni fa, nel gennaio del 1922, e dal 1970 era alla guida della sua storica azienda di Montalcino, dove il suo avo Ferruccio inventò letteralmente il Brunello. Franco era figlio di Tancredi Biondi Santi e prese in mano l’azienda in un momento molto complicato per l’Italia dal punto di vista economico e sociale. Tenne duro, restando fedele alla tradizione della sua famiglia, evitando di cambiare i suoi vini stilisticamente e non dando mai retta alle varie sirene che lo consigliavano nel senso di un “ammodernamento” della sua cantina. Per ricordarlo vorrei riproporvi un racconto che uscì in uno dei primi numeri di Doctor Wine e che la dice lunga sulla sua coerenza e sulla sua straordinaria signorilità. Contemporaneamente vorrei unirmi al dolore della sua famiglia, di suo figlio Jacopo in particolare, che è un vecchio e caro amico, e di tutti coloro che hanno voluto bene a quell’uomo dalla schiena diritta e dai principi saldi, che è stato un esempio per tutti e non solo per i produttori di Montalcino.
 

Franco Biondi Santi: il vino della tradizione
di Daniele Cernilli 04-04-2011
 

Mi do del “lei” con Franco Biondi Santi che è un uomo di cortesia “antica” come diceva Guccini. Del resto è del ’22, ha la stessa età di mio padre, e la cosa mi mette un po’ in soggezione. Lui poi è l’erede della famiglia che ha letteralmente inventato il Brunello di Montalcino, un vino che sotto sotto considera ancora come un patrimonio privato, visto che fino al 1925 sotto il nome Brunello sulle etichette delle loro bottiglie c’era anche la dizione “marchio proprio”.

I Biondi Santi erano i soli ad imbottigliarlo, e la cosa andò avanti così fino agli anni Cinquanta. Franco, o meglio, il “dottor Franco”, come lo chiamano in azienda, le redini le prese nel 1970, quando morì suo padre Tancredi che le aveva tenute a sua volta ininterrottamente dal 1925.

“Molte delle botti sono ancora quelle di mio padre, alcune hanno più di un secolo, ma secondo me sono ancora le migliori”.

Quando parla lo fa con misurata lentezza, senza nascondere un elegante accento senese. Sembra il ritratto preciso del gentiluomo di campagna. “Guarda che invece ha un carattere di ferro ed un coraggio da leone” mi dice suo figlio Jacopo, del quale sono quasi coetaneo e quindi ci diamo del “tu”. “Qualche anno fa, credo avesse almeno 85 anni, qualcuno tentò di forzare la porta della villa pensando che non ci fosse nessuno. Per fortuna non ci riuscì. Mio padre lo aspettava al varco con il fucile da caccia imbracciato e carico..” Uomini d’altri tempi, viene da pensare. E il suo Brunello, soprattutto quando decide di fare la Riserva, è un vino d’altri tempi.

“Un grande vino deve invecchiare a lungo, se è un Brunello è quasi un dovere”.

Così se deve aprire una bottiglia con meno di vent’anni lo fa controvoglia. E’ difficile dargli torto visto che il miglior vino in cantina in questo momento è sicuramente la Riserva del ’55, un Brunello che detta i caratteri fondamentali per la tipologia. La rivista americana Wine Spectator lo ha premiato come il miglior vino italiano di sempre, solo quattro o cinque anni fa. Quello lo fece suo padre Tancredi, come le Riserve ’45, ’61 e ’64. Ma quella del ’70, quella del ’75, e dell’83 e del ’95, e poi del ’97, del ’99, del ’01 e, finalmente, del ’04, le ha fatte lui, il dottor Franco. Seguendo la tradizione di famiglia, cambiando il meno possibile.

Ogni tanto fa richiamare le bottiglie delle annate più antiche per l’operazione della “ricolmatura”. Chi ha nella propria cantina del Brunello Riserva può aderire, portando le bottiglie al Greppo, la tenuta dei Biondi Santi, facendole stappare in presenza di un notaio, poi ricolmare con vino della stessa annata, ed infine ritappare con un sughero nuovo. Il vino che serve per la ricolmatura, ovviamente, si deve pagare, ed il prezzo è stabilito al grammo, previa pesata su una piccola bilancia effettuata personalmente da Franco Biondi Santi. Un rito imperdibile.

“Nell’83 ho comprato qualche botte nuova, di rovere di Slavonia, e per un po’ si è sentito un po’ di profumo di legno nel vino di quell’anno” confessa. La Riserva ’83 ora si può cominciare a bere, secondo lui. Ha un piccolo deposito farinoso che intorbidisce la parte finale della bottiglia. Ma non parlategli di caraffarlo. “Il mio Brunello va aperto molte ore prima, anche il giorno prima, e non lo si deve scuotere. Se c’è un po’ di fondo, meglio così. È la parte migliore della bottiglia, ha più sapore,” Difficile contrapporgli pareri diversi, e poi, bevendolo il suo Brunello, si capisce che ha ragione . L’ultimo bicchiere è un po’ velato, ma ha profumi e gusto da vendere.

Di quelli fatti da lui la versione più strana è stata quella del ’75, che ha profumi quasi balsamici, tanto che qualcuno ha anche malignamente ipotizzato qualche presenza di vitigni “esterni”. “Il Sangiovese quell’anno venne così” risponde un po’ piccato, tagliando corto. Io poi gli dico che preferisco ’95 e soprattutto ’99 alla versione del ’97. “E’ una cosa difficile da capire adesso.” mi dice rimproverandomi affabilmente. “La vendemmia del ’97 è stata fra le più belle che ho visto, secondo me quel vino durerà cent’anni”.

Poi si parla del futuro del Brunello, cosa fare per rilanciarlo dopo gli episodi non troppo edificanti del 2009. “Bisognerebbe tornare alle origini. Fare un Brunello Superiore utilizzando solo le vigne più vecchie e di più antica collocazione. Senza usare botti piccole. Un Brunello realmente tradizionale. Le sperimentazioni, anche con vitigni diversi, si potrebbero consentire sul Rosso di Montalcino. Le tecniche di vinificazione più moderne, ma utilizzando solo sangiovese, anche sul Brunello “normale”. Ma non sul Brunello Superiore, o come si vorrà chiamarlo.” Parole sagge.

La Riserva ’04 che va intanto nei bicchieri è un sogno. Ha un colore leggermente più carico rispetto ad altre versioni, ma con un profilo olfattivo elegante e nitido, assolutamente emblematico. In bocca l’attacco è deciso, buona acidità, tannini gagliardi ma non aggressivi, che gli consentiranno vita lunghissima. Un vino ancora imbronciato, come la Bardot da giovane, quando si fidanzò con Vadim, beato lui.

“Sarà grande, ma quella del ’06 è superiore” mi dice spillando personalmente qualche decilitro di vino dalla grande botte. “Giovane” gli rispondo “ma già si può bere”. E lui, sorridendo “Bene, lei avrà il tempo per poterla degustare quando sarà perfetta”. E il suo sorriso si vela di un po’ di tristezza.

Vinitaly 2013: Taste Italy by Doctor Wine - Firmato Doctor Wine | Pubblicato in DoctorWine N° 78

Doctor Wine by Daniele Cernilli - 7. April 2013 - 1:01
Vinitaly 2013: Taste Italy by Doctor Wine - Firmato Doctor Wine | Pubblicato in DoctorWine N° 78

Torna anche quest'anno Taste Italy by Doctor Wine, l'evento-degustazione organizzato da Doctor Wine in collaborazione con Vinitaly. Daniele Cernilli ha selezionato le 100 più importanti e rappresentative aziende vitivinicole che saranno presentata alla stampa e agli operatori esteri. Nella Galleria dei Signori, tra i padiglioni 10 e 11, sarà possibile degustare l'eccellenza vinicola italiana fatta di rossi, bianchi e spumanti di diversa provenienza regionale: 105 vini messi in mescita nei dispenser di Winefit, sotto azoto, dedicati principalmente ad un pubblico internazionale.  

All'interno dell'area più appuntamenti quotidiani dedicati alle interviste che Cernilli stesso rivolgerà ai produttori e che saranno trasmesse su un maxischermo posizionato in Galleria dei Signori, sul canale dedicato You Tube by Doctor Wine (accessibile anche da questo sito) e sul sito di Vinitaly.

 

CLICCA QUI PER ENTRARE NELLA PAGINA YOU TUBE DOVE SONO RACCOLTE TUTTE LE INTERVISTE

 

Elenco  interviste della 1° giornata Domenica 7 aprile:

Volpe Pasini

Bertani

Lungarotti

Casanova di Neri

La Ghidina

Cavit

Il Pollenza

Rocca delle Macie

Falesco

Historic Tokaji wine auction to take place

Decanter News - 5. April 2013 - 20:00
An inaugural Tokaji wine auction is to be held this month in Hungary.